In dialogo con voi: scrivete qui i vostri suggerimenti

Buone cose ARCA_lowL’invito è per tutti i nostri amici dei GAS e nasce dalla volontà di mantenere un canale di dialogo aperto e continuativo con tutti voi. Ogni giorno siamo in contatto con i referenti dei tanti Gruppi d’Acquisto con cui stiamo intessendo e consolidando relazioni vitali e costruttive. Ciascuno condivide con noi le sue riflessioni e si fa portavoce di quelle che maturano all’interno del proprio Gruppo di riferimento, aiutandoci a mantenere alta l’attenzione verso fattori a noi molto cari e che vogliamo periodicamente ricondividere, per accertarci di essere tutti sulla stessa lunghezza d’onda… e capite bene quanto sia importante questo quando si è a bordo di un’arca!

In attesa di incontrarvi tutti di persona, vorremmo chiedervi di cominciare a scambiare le vostre proposte e idee in calce a questo post, inserendo un vostro commento, con particolare riferimento ad alcuni temi:

  • principi e criteri comuni sulla base dei quali individuare prodotti e produttori da proporvi;
  • prodotti particolari che vorreste nel paniere, che potremmo mettere a coltura nel nostro campo (se possibile) o cercare produttori da cui rifornirci per consegnarveli assieme alla vostra spesa settimanale;
  • proposte di collaborazione per iniziative comuni.

Aspettiamo con curiosità i vostri suggerimenti! GRAZIE

 

Il Municipio PER i Gruppi d'Acquisto Solidale

Nella mattinata di martedì 17 marzo, il Consiglio del Municipio IX ha posato una prima pietra come paladino di uno stile di vita solidale e responsabile, condiviso da tutti noi, di cui i Gruppo di Acquisto Solidale sono la realtà più viva ed attiva, portatrice di futuro.
“Il Municipio per i Gruppi di Acquisto Solidale” è il nome della risoluzione approvata, con l’obiettivo di promuovere le attività svolte dai GAS. Ed è in quel “per” che si legge il cambiamento: un impegno politico a sostenere la conoscenza e la divulgazione della filosofia del consumo responsabile, dell’economia sostenibile, del chilometro 0 e della filiera corta, e la volontà concreta di migliorare la qualità della vita di ogni essere umano. Saranno “promosse manifestazioni in luoghi pubblici,  dove i GAS abbiano l’opportunità di diffondere i loro principi e le loro attività attraverso momenti di festa e socializzazione con produttori locali e/o di realtà sociali”: è questo uno dei passaggi più significativi di questa risoluzione, che favorisce la costruzione diretta di reti di relazioni con i produttori locali, saltando l’intermediazione dei circuiti della grande distribuzione organizzata.

DSC_0661
Nella nostra realtà condividiamo questa volontà del Presidente del Municipio e dei suoi assessori a promuovere e sostenere le attività dei Gruppi di Acquisto Solidale con iniziative che, partendo dalla conoscenza dei GAS del territorio, collegano realtà sociali e produttori locali con un progetto che arriva ad integrarsi, quasi in maniera naturale, al progetto DOM (Denominazione di Origine Municipale).

 

Terre di Palike ci dice “grazie!” e rilancia per gennaio

TerrediPalike1 TerrediPalike2 TerrediPalike3

Cari amici, riceviamo e pubblichiamo integralmente un messaggio che ci arriva dai nostri amici di Terre di Palike (già Terre Forti), i quali ci ringraziano dell’attenzione che stiamo prestando alle loro arance, perché stiamo consentendo loro di portare avanti un progetto sociale ed economico importantissimo, e rilanciano per un nuovo ordine già a partire da questo mese.

Non solo: ci terrebbero ad ospitare in Sicilia, qualche giorno, una delegazione dei GAS di Roma, per rendervi partecipi degli sviluppi del progetto e ricevere consigli, osservazioni, opinioni sugli indirizzi futuri.

Forza, allora: attendiamo i dati del vostro ordine e siamo pronti a mettervi in contatto con i nostri amici siciliani per rafforzare ancor di più questa importante, proficua, significativa relazione!

TerrediPalike4 TerrediPalike5 TerrediPalike6 TerrediPalike7

“Grazie da parte di tutti i ragazzi di Terre di Palike per aver scelto le nostre arance, siamo spiacenti per i ritardi dovuti ai problemi di maturazione, questo ci ha costretto a selezionare le arance mature a scapito dell’attenzione che solitamente mettiamo nell’equa distribuzione delle varie pezzature, ma ci teniamo a rendervi partecipi del piccolo miracolo che sta avvenendo grazie alle vostre spremute e scorpacciate delle nostre arance biologiche.

State rendendo possibile, in un territorio dove l’agricoltura viene abbandonata e l’età media degli agricoltori è di settant’anni, la nascita di un sistema lavorativo orizzontale, dove i protagonisti sono tutti giovani dai venticinque ai trentacinque anni.

Siamo pronti a lanciare un nuovo ordine per il mese di gennaio e vi assicureremo un ottimo prodotto.

Da consumatori critici quali siete vorremmo poter condividere la totalità del nostro sistema lavorativo e delle attività che svolgiamo sul territorio.

Per questo invitiamo alcuni responsabili del circuito g.a.s. Di Roma a passare qualche giorno insieme a noi, ospiti della tranquilla e accogliente campagna siciliana, in modo da poter sublimare la nostra sinergia e accettare anche qualche consiglio per poter migliorare. In fondo voi siete i nostri co-produttori e la condivisione e la conoscenza diretta sono fondamentali. I g.a.s. di Milano sono già venuti, coraggio! Vi aspettiamo!

                                                                 TerrediPalike8 TerrediPalike9 TerrediPalike10

Ricordiamo che per poter tenere basso il costo della spedizione usufruendo dei trasporti per il mercato ortofrutticolo, l’accordo stipulato prevede un minimo di 4 pedane, così sarà possibile dare un contributo alla realtà de La Nuova Arca, che reinveste nell’impegno sociale tutto il ricavato del progetto arance.

Allora via con gli ordini! E a presto!” 

Emanuele Feltri

Terre di Palike

                                                                                      TerrediPalike11 TerrediPalike12

Legalità, equità, solidarietà: il nostro progetto agrumi

Oggi vogliamo spendere qualche altra parola su un tema che, come sapete, ci sta molto a cuore: il progetto agrumi.

01b noi

Grazie a questo progetto abbiamo dinanzi a noi una bellissima occasione, ancora una volta: quella di fare una cosa molto bella per alcuni produttori vessati da situazioni di mercato per loro insostenibili ed ingiuste; produttori che profondono energie, competenze e coraggio nello sviluppare frutti di legalità e di speranza, per loro e per noi. Il tutto, non dimentichiamo, portando sulle nostre tavole prodotti molto buoni a prezzi equi per tutti e creando lavoro sia lì dove si produce che qui dove si distribuisce e si consuma.

Questo è il progetto agrumi che come LNA abbiamo inteso avviare insieme ai GAS che da qualche anno insieme a noi fanno rete di sostegno.

Per realizzare, anche con il progetto agrumi, la missione per noi costituente, legata al lavoro, alla legalità, alla terra ed alla trasparenza collettiva, abbiamo lavorato in questi anni incontrando produttori, ascoltando i progetti che c’erano dietro o semplicemente i bisogni. Abbiamo chiesto referenze a persone di fiducia per procedere ed infine, grazie a questo importante lavoro, abbiamo fatto le proposte ai GAS che con noi hanno creduto in tutto questo.

Ecco così che LNA ed alcuni GAS di Roma hanno potuto sostenere produttori di agrumi del Siracusano, del Catanese e del Messinese, selezionandoli per tipologia di progetto, di prodotto, di stagione, di referenze ( tipicamente GAS locali), di capacità di lavorare in rete con realtà da sostenere.

In questo percorso abbiamo conosciuto l’ anno scorso la realtà rappresentata da Emanuele Feltri e della loro ostinata e profetica lotta, con Terre Forti, al sistema mafioso in terra di Sicilia.

Ci è subito piaciuta moltissimo e presentata ai GAS romani come realtà nascente da sostenere, per il profondo significato che rappresenta e per la bontà del loro prodotto. Così è nato già lo scorso anno un primo supporto che, veicolando una parte della loro piccola produzione, ha però dato loro coraggio per proseguire. E così quest’ anno, dopo una presentazione avvenuta il 18 maggio ai GAS che si erano runiti presso LNA a Roma li abbiamo esortati a proseguire, assicurando loro tutto il nostro impegno per promuovere e far crescere la loro iniziativa tra i GAS romani allora presenti e tra quanti avremmo potuto raggiungere.

Adesso siamo al momento di mostrare loro quanto siamo capaci di spenderci per sostenerli. Hanno strutturato meglio la loro produzione, accrescendola e strutturandosi in termini aziendali, stanno differenziandosi sapientemente su più mercati per poter crescere senza troppi sbalzi.

Stanno insomma facendo le cose per bene e credono di potercela fare e noi ci sentiamo orgogliosi di questo.

Faremo del nostro meglio per sostenerli, berremo spremute di legalità, chiederemo agli amici di farlo e di propagandarlo.

Perché crediamo che tutto questo vada conosciuto e promosso.

La Nuova Arca e i GAS insieme per un'agricoltura solidale e responsabile

“Se volete andare in fretta, andate soli;

se volete andare lontano, andate insieme”.

Per raccontare della giornata di sabato, della Nuova Arca e dei GAS di nuovo insieme per crescere e per decidere, partiamo da questo proverbio africano, che rappresenta davvero bene lo spirito che ha animato il confronto e la prospettiva di azione che si è aperta.

Partecipanti_210614

Da parte dei GAS, l’incontro si è confermato necessario e molto atteso.

Noi della Nuova Arca potremmo riassumere quello che abbiamo visto in tre parole:

partecipazione, perché per ogni GAS coinvolto c’erano più persone e ognuna ha voluto contribuire alla discussione;

collaborazione, perché dopo la condivisione preliminare delle reciproche istanze, tutte le persone si sono poste sul piano della costruzione di un percorso comune;

proiezione verso un futuro condiviso, con la voglia di “compromettersi” a tal punto da prefinanziare il nuovo progetto di trasformazione dei prodotti.

E ora il tutto verrà condiviso e esaminato dal  proprio GAS di riferimento, affinché gli impegni abbiano le gambe e il fiato necessari ad arrivare a destinazione.

L’incontro ha preso il via alle dieci e mezza del mattino, dopo una bella colazione di benvenuto. All’ordine del giorno lo stato dell’arte del nostro cammino comune, il listino settimanale da integrare in un’ottica di servizio ai GAS e infine la gestione della sovrapproduzione estiva.

Squadra in campo_Bakary-Abu-Matteo_210614

Per noi è stato bello e importante, innanzitutto, riscontrare che i gasisti partecipanti si siano dichiarati “osservatori coinvolti” delle vicende della Nuova Arca. Lo abbiamo percepito chiaramente durante tutto l’incontro. Grazie a questo spirito di condivisione e collaborazione, abbiamo potuto assumere alcune decisioni importanti.

Nell’ottica ad esempio di ridurre alcuni costi legati all’intermediazione di prodotti acquistati da terzi, è stato concordato di investire nella realizzazione di un tunnel/serra che consenta di ampliare la produzione e mantenerla quasi costante nel corso del tempo.

Quanto alle colture in campo e a quelle pianificate per i prossimi mesi, Matteo, che fa parte della squadra in campo della Nuova Arca assieme ad Abu e Bakary, ha informato i presenti degli ortaggi e dei frutti in crescita e di quelli ordinati per il lavoro invernale: ai GAS è stato chiesto di manifestare eventuali preferenze di prodotti ulteriori da mettere in campo per ampliare il paniere settimanale, cosa che è puntualmente avvenuta nell’incontro di sabato e la cui fattibilità è ora in via di verifica con l’agronomo.

Infine, si è discusso della gestione della sovrapproduzione estiva, che potrebbe interessare vari ortaggi, primi fra tutti i pomodori e le zucchine e anche qui, grazie alla condivisione di informazioni e relazioni, siamo riusciti ad individuare nuove interessanti modalità di collocazione dei prodotti e alcuni possibili interlocutori: il Casale di Martignano, col suo stabilimento presso cui viene confezionato lo yogurt Barikamà, disponibile alla trasformazione e al confezionamento dei nostri prodotti, e la grande distribuzione, per assorbire l’eventuale surplus di prodotto.

Per gestire i delicati passaggi tecnici e operativi che scandiranno questo programma gestionale sulla sovrapproduzione, verrà costituito un Gruppo di Lavoro dedicato, costituito dai rappresentanti di vari GAS.

Il tavolo di lavoro si riunirà a sua volta periodicamente per alimentare lo scambio fra La Nuova Arca e i Gruppi d’Acquisto Solidale, come nelle intenzioni del primo tavolo avviato nel 2012.

La Nuova Arca ha levato l’ancora per un nuovo, importante tratto di navigazione. Siamo felici di percorrerlo assieme a tanti amici fidati e generosi.

Grazie di cuore, a voi e alle stelle

stelle.

Cari amici,

questo post è un grazie, infinite grazie a quanti di voi hanno preso parte alla cena sotto le stelle che abbiamo fatto lo scorso venerdì.

Bellissima serata, allietata dalla presenza di tanti amici, dalla buona musica e dal buon cibo, realizzato tutto utilizzando i prodotti genuini e selezionati del nostro agro romano (dalla ricotta ai formaggi, alle verdure, alla porchetta, al pane, al vino, alle uova ed ai dolci della tradizione locale: chi c’era, ne siamo certi, li ricorda uno a uno).

E’ stata l’occasione per spiegare come l’idea della creazione del DOM, marchio d’origine municipale, sia nata proprio  in questa sede, allorché con altri produttori della zona e dei rappresentanti municipali abbiamo pensato di dare vita ad una sorta di etichetta che caratterizzasse i prodotti del nostro territorio e ne identificasse, con la provenienza, criteri qualitativi e di tracciabilità per noi molto importanti. E abbiamo poi ricordato che tale idea è stata portata avanti fino al recente annuncio, da parte del Presidente del Municipio, della nascita ufficiale del marchio DOM del IX Municipio di Roma Capitale, primo in assoluto rispetto a qualunque altro municipio.

La serata è stata scandita dalla voglia di stare gioiosamente  insieme: realtà del territorio e gruppi di solidarietà, gruppi di acquisto e familiari, amici e  vicini di casa.

La festa si è conclusa raccogliendo non solo la cifra necessaria a portare le mamme ed i bimbi per una vacanza in Abruzzo, ma anche la disponibilità di molte persone a contribuire volontariamente, con le loro competenze e con una porzione del loro tempo, allo sviluppo delle attività de La Nuova Arca.

Grazie di cuore: a tutti voi e alle stelle che hanno vegliato sulla nostra serata.

La Nuova Arca

Terre di Palike e arance: fragore di Sicilia

Terre di Palike 1

Dai nostri amici di Terre Forti, che con tenacia e coraggio portano avanti in Sicilia progetti molto importanti, arrivano buone notizie, che siamo lieti di raccontarvi. A partire dalla valle del Simeto (comunità rurale Sciddicuni) ai piedi dell’Etna, Emanuele ed il suo amico di Leo hanno cercato di investire in un sogno: quello di avviare una filiera economica che guardi alla qualità del lavoro e della produzione, anche tramite un percorso di rete e filiera corta che permetta di bypassare quei meccanismi che allungano la vendita del prodotto finale, dove le mafie si insinuano e fanno cartello.

Da questo sogno è nata Terre di Palike, una cooperativa di giovani, creata all’interno della rete Terre Forti, che ha l’obiettivo di facilitare l’arrivo dei prodotti nei GAS di tutta la penisola.

Terre di Palike 2

Ne fanno parte Ciro e Vito, che da anni portano avanti un progetto di orti urbani (Happy Farming) per contrastare simbolicamente le raffinerie che insistono sul territorio di Augusta; Liliana e Angelo (Campi Cauri) che hanno ripreso una vecchia azienda agricola di famiglia a Grammichele, coltivando agrumi e preservando un’antichissima varietà di tarocco sanguinello; Elena (Ortovo) che a Ramacca, tra agrumi ed ulivi nella piana di Catania, coltiva varietà autoctone di pomodoro – trasformandolo in un’ottima salsa – e di grani antichi, preservando la biodiversità isolana.

Ci hanno già avvisato che la Nuova Arca è stata già indicata quale punto di riferimento per i Gruppi d’acquisto di Roma e noi siamo onorati di questa loro scelta. Ci hanno inoltre già allertato sulla disponibilità di un gran quantitativo di arance, coltivate in maniera naturale, come Terre Forti ci ha sempre abituato.

Da metà novembre saranno pronte le Navel e da gennaio sarà disponibile il Tarocco. Probabilmente avremo a disposizione anche olio, mandorle e farina.

Il primo ordine di arance verrà lanciato tra 2 settimane, giovedì 23 ottobre.

Desideriamo sostenere fortemente questi ragazzi ed il loro sogno di costruire in Sicilia una nuova prospettiva di lavoro fatto di rispetto della Terra e di collaborazione vera. Dunque saremo lieti di raccogliere tutte le vostre adesioni al nostro ordinativo. Fateci sapere, due settimane passano in fretta.

Terre di Palike 3