fbpx

Lettera da un amico…

Ciao a tutti.
Anche quest’anno siamo lieti di proporre ai gruppi d’acquisto non solo i nostri prodotti da agricoltura naturale ma anche e sopratutto il percorso che abbiamo intrapreso dal 2010 e che pian pianino sta portando dei cambiamenti visibili nelle nostre vite e nei territori dove abbiamo scelto di lavorare.
Riuscire a scavalcare la filiera della grande distribuzione e arrivare direttamente a voi, significa non solo rifiutare i sistemi di sfruttamento della terra e della manodopera messi in atto dalla GDO ma vuol dire anche combattere la gestione mafiosa delle produzioni e il controllo sugli agricoltori che finalmente possono credere e costruire una reale alternativa!
Da gennaio sarà disponibile la nostra produzione di tarocco comune, tarocco nucellare e in piccole quantità tarocco dalmuso, oltre i limoni che già lo scorso anno avete avuto il piacere di assaggiare.
Ci piacerebbe costruire insieme a voi il prezzo finale tenendo conto della giusta retribuzione all’agricoltore a chi raccoglie e venendo anche incontro alle vostre esigenze.
Ci scusiamo per non essere riusciti ad organizzare un incontro ad inizio stagione ma se lo riterrete opportuno possiamo provvedere per un incontro in itinere.
Sappiate che dallo scorso anno il prezzo finale delle arance per i gas di Milano (per fare un esempio) è di un euro e sessanta al chilo. Scorporandolo possiamo capire che 30 centesimi vanno ad una cooperativa di operai rimasti senza lavoro che si occupano della distribuzione dei nostri prodotti e di quelli di sos Rosarno, 35 centesimi vanno al produttore ( parte delle arance infatti vengono da due agricoltori che collaborano con noi in tutte le fasi di produzione, raccolta e spedizione…questa è la rete che stiamo costruendo), nove centesimi a testa pagano la raccolta e la lavorazione in magazzino. il resto sono spese di spedizione, imballaggio e affitto magazzino.
Non vi imponiamo questo prezzo ma sappiate che ogni centesimo tolto viene meno al pagamento o del produttore o dell’operaio messo in regola che le raccoglie o della cooperativa, in questo caso la NuovaArca che le distribuisce.
“su Roma c’è concorrenza”, ci permettiamo di analizzare insieme a voi questa verità perchè facendo parte di un gruppo d’acquisto solidale, siamo certi che vogliate andare a fondo alle dinamiche del consumo, promuovendone uno alternativo e critico.
Se si trovano arance ad un prezzo inferiore a quello proposto da noi bisogna tenere conto che:
1) alcune realtà note che vendono ai gas si avvalgono per la raccolta di”volontari” o WWoof e quindi non hanno questa spesa.
2) se le arance provengono dalla Calabria hanno un notevole costo ridotto relativo alle spese di spedizione e in generale l’agrume calabro ha un costo inferiore rispetto al tarocco biologico di Sicilia.
3) Molte aziende biologiche siciliane pur proponendo un ottimo prodotto, si avvalgono per la coltivazione e la raccolta di operai in nero e sottopagati.
4) Molti produttori di piccole dimensioni, raccolgono con l’aiuto dei familiari le arance, non calcolando il costo della raccolta e attuando inconsapevolmente un auto sfruttamento.
Scusate per l’analisi, forse eccessiva ma noi siamo una comunità rurale fondata sul lavoro e se possiamo apparire duri è perchè crediamo che costruire sistemi nuovi dove l’uomo viene messo prima del profitto e della convenienza passa da scelte importanti e consapevoli…altrimenti nulla cambia!
Con l’occasione vi porgo a nome di tutta la comunità i nostri più cari auguri di Natale e di buon anno.
Emanuele Feltri
Terre di Palike

Cliccate QUI per scaricare il volantino di presentazione di Terre di Palike!

Legalità, equità, solidarietà: il nostro progetto agrumi

Oggi vogliamo spendere qualche altra parola su un tema che, come sapete, ci sta molto a cuore: il progetto agrumi.

01b noi

Grazie a questo progetto abbiamo dinanzi a noi una bellissima occasione, ancora una volta: quella di fare una cosa molto bella per alcuni produttori vessati da situazioni di mercato per loro insostenibili ed ingiuste; produttori che profondono energie, competenze e coraggio nello sviluppare frutti di legalità e di speranza, per loro e per noi. Il tutto, non dimentichiamo, portando sulle nostre tavole prodotti molto buoni a prezzi equi per tutti e creando lavoro sia lì dove si produce che qui dove si distribuisce e si consuma.

Questo è il progetto agrumi che come LNA abbiamo inteso avviare insieme ai GAS che da qualche anno insieme a noi fanno rete di sostegno.

Per realizzare, anche con il progetto agrumi, la missione per noi costituente, legata al lavoro, alla legalità, alla terra ed alla trasparenza collettiva, abbiamo lavorato in questi anni incontrando produttori, ascoltando i progetti che c’erano dietro o semplicemente i bisogni. Abbiamo chiesto referenze a persone di fiducia per procedere ed infine, grazie a questo importante lavoro, abbiamo fatto le proposte ai GAS che con noi hanno creduto in tutto questo.

Ecco così che LNA ed alcuni GAS di Roma hanno potuto sostenere produttori di agrumi del Siracusano, del Catanese e del Messinese, selezionandoli per tipologia di progetto, di prodotto, di stagione, di referenze ( tipicamente GAS locali), di capacità di lavorare in rete con realtà da sostenere.

In questo percorso abbiamo conosciuto l’ anno scorso la realtà rappresentata da Emanuele Feltri e della loro ostinata e profetica lotta, con Terre Forti, al sistema mafioso in terra di Sicilia.

Ci è subito piaciuta moltissimo e presentata ai GAS romani come realtà nascente da sostenere, per il profondo significato che rappresenta e per la bontà del loro prodotto. Così è nato già lo scorso anno un primo supporto che, veicolando una parte della loro piccola produzione, ha però dato loro coraggio per proseguire. E così quest’ anno, dopo una presentazione avvenuta il 18 maggio ai GAS che si erano runiti presso LNA a Roma li abbiamo esortati a proseguire, assicurando loro tutto il nostro impegno per promuovere e far crescere la loro iniziativa tra i GAS romani allora presenti e tra quanti avremmo potuto raggiungere.

Adesso siamo al momento di mostrare loro quanto siamo capaci di spenderci per sostenerli. Hanno strutturato meglio la loro produzione, accrescendola e strutturandosi in termini aziendali, stanno differenziandosi sapientemente su più mercati per poter crescere senza troppi sbalzi.

Stanno insomma facendo le cose per bene e credono di potercela fare e noi ci sentiamo orgogliosi di questo.

Faremo del nostro meglio per sostenerli, berremo spremute di legalità, chiederemo agli amici di farlo e di propagandarlo.

Perché crediamo che tutto questo vada conosciuto e promosso.