CUCINA ANTI SPRECO … il Topinambur

Il topinambur è un ortaggio molto apprezzato per il suo sapore gradevole, simile al carciofo, e per le sue proprietà organolettiche. Si presenta come una piccola patata bitorzoluta di colore bianco o violaceo e dalla forma irregolare.
Fa bene perché pur essendo un tubero, a differenza delle patate, non contiene amido ma inulina, una molecola nutritiva dalla eccellenti proprietà. Questa particolare sostanza lo rende indicato per chi vuol perdere peso e riattivare l’intestino pigro, o per i diabetici e chi soffre di obesità. Il topinambur è infatti in grado di abbassare il livello di assorbimento degli zuccheri e dei grassi da parte dell’intestino, tiene così sotto controllo i livelli glicemici e il colesterolo.
Il topinambur è anche una buona fonte di vitamine, soprattutto vitamina A e alcune delle vitamine appartenenti al gruppo B, e di minerali, come il potassio, il magnesio, il ferro e il fosforo. È costituito per l’80% da acqua, proteine, carboidrati e fibre.
Suggerimenti di eco-cucina…anti sprechi!
Come tutti gli ortaggi, il miglior modo per consumare il topinambur e godere di tutte le sue proprietà benefiche è a crudo, ideale unito all’insalata o tagliato a fettine e condito con un filo d’olio e qualche goccia di limone. Il vantaggio di un ortaggio biologico è quello di non doverlo pelare, ma semplicemente potete lavarlo e spazzolarlo delicatamente per mantenere tutte le sue proprietà.
Ricetta Facile:
SPAGHETTI AL TOPINAMBUR
Ingredienti per 2 persone
350 gr di topinambur; 200 gr di spaghetti; 1 spicchio d’aglio; 1 manciata di capperi dissalati; prezzemolo; peperoncino; olio evo; sale
Procedimento
Sbucciate i topinambur con l’aiuto del pelapatate e metteteli a bollire in abbondante acqua salata per almeno 15 minuti: devono risultare teneri se bucati con una forchetta. A questo punto scolateli conservando l’acqua di cottura.
Tagliate i topinambur a piccoli pezzi e metteteli a cuocere in una padella in cui avrete precedentemente fatto rosolare uno spicchio d’aglio in un goccio d’olio per un paio di minuti. Unite i capperi, salate leggermente e aggiungete peperoncino a piacere. Nel frattempo buttate gli spaghetti nell’acqua di cottura dei topinambur e a metà cottura scolateli direttamente nella padella con il condimento. Procedete nella cottura della pasta aggiungendo un mestolo di acqua di cottura man mano che la preparazione si asciugherà. In questo modo la pasta, cotta con il procedimento del risotto, prenderà il sapore del sugo e avrà una cremosità maggiore. Fuori dal fuoco aggiungete prezzemolo a piacere.

Rispondi