fbpx

PROGETTO IL CAMMINO

Il Progetto Il Cammino si inquadra tra le misure di inserimento e inclusione lavorativa promosse da La Nuova Arca a favore di donne sole con figli a carico ed altre persone in situazione di svantaggio, quali rifugiati e richiedenti asilo politico e persone con disabilità.
Il Cammino è un’iniziativa con sede nell’estrema periferia sud di Roma, a ridosso della via Ardeatina. Si tratta di un progetto in ambito di agricoltura sociale per:
a) la formazione e l’inserimento lavorativo di donne sole con figli in uscita da case famiglia;
b) la formazione e l’inserimento lavorativo di rifugiati politici;
c) lo sviluppo di comunità attraverso la ricostruzione del legame tra famiglie, con una attenzione particolare rivolta alle persone con fragilità e disabilità.
Il Cammino vuole dunque essere un modello di economia sociale che produce beni comuni e impatti collettivi, includendo nel processo di produzione dei beni e dei servizi persone in situazione di vulnerabilità e svantaggio.

Il progetto si sviluppa in un’area a poca distanza dalla Casa Famiglia, dove La Nuova Arca ha acquisito in locazione un casale rurale insieme con l’ampio locale dell’ex-stalla e l’ex-fienile. Il casale rurale è stato completamente ristrutturato e dalla primavera del 2016 è destinato all’accoglienza in regime di semi-autonomia dei nuclei in uscita dalla casa famiglia.

I Prossimi Passi

Ad inizio 2019 sono stati avviati i lavori di ristrutturazione dei due rimanenti casali, ex-stalla ed ex-fienile, e l’allestimento del parco circostante, con l’insediamento di un “Giardino sensoriale” e di un orto didattico-terapeutico, per trasformare Il Cammino in un polo di formazione lavorativa per soggetti svantaggiati, di inclusione sociale, di sviluppo di comunità.

il Progetto Il Cammino si prefigge gli obiettivi specifici di:
a) realizzare un Giardino Sensoriale e un orto didattico-terapeutico ed avviare percorsi di riabilitazione e didattica sperimentale per bambini con disabilità e disturbo dello spettro autistico e per anziani;
b) avviare le attività di aggregazione e coesione delle famiglie (Centro per le famiglie con servizi di formazione, scambio, incontro e auto mutuo aiuto, Centri estivi per bambini, feste ed eventi);
c) grazie alle attività di cui ai punti a) e b) avviare la formazione e gli inserimenti lavorativi di donne sole con figli a carico e rifugiati politici, nel settore del giardinaggio e cura del verde e della cucina.

Il Cammino consentirà alle mamme e ai ragazzi rifugiati di essere formati, acquisendo competenze specifiche e sperimentandosi in un ambiente lavorativo amico.

 

Fai una DonazioneDevolvi il tuo 5X1000