fbpx

Category Archives: la nuova arca

Progetto Forma e Trasforma

Pre-acquisto dei prodotti trasformati de LA NUOVA ARCA

La missione de La Nuova Arca è quella dell’accoglienza di persone con disagio sociale con particolare attenzione alle giovani mamme con i loro bambini, ai rifugiati politici, e alle persone con disabilità.  

L’attività agricola è realizzata da La Nuova Arca Società Agricola, un’impresa sociale costituita da La Nuova Arca ai sensi del D.lgs. 155/2006.

In virtù del lavoro che le due realtà svolgono per i loro beneficiari, saranno messe a disposizione del progetto “Forma e Trasforma” risorse, competenze e professionalità per i beneficiari rintracciabili proprio in alcuni giovani accolti all’interno della Società Agricola e alcune mamme ospiti de La Tenda di Abramo.

Questo progetto lo scorso anno è stato possibile grazie alla collaborazione con il laboratorio di Casale Martignano. Per il futuro, stiamo lavorando nella direzione della creazione di un laboratorio di trasformazione certificato nostro che ci consentirà  di concretizzare la nostra missione consistente nell’accompagnamento di persone in situazione di difficoltà personale, sociale ed economica al fine di potenziare le loro risorse e di facilitare i processi di autonomia personale e lavorativa.

Quest’anno questa attività verrà svolta con l’ausilio di un laboratorio esterno certificato. Avremo la possibilità comunque di far partecipare al progetto qualche nostro ragazzo ed una mamma ospite della nostra struttura.

L’ impatto sociale interno consiste nel processo che si attiverà per i giovani beneficiari, ragazzi e mamme, che consentirà loro di ricevere un sostegno ben strutturato per quel che riguarda l’accompagnamento personale ma anche e soprattutto un incentivo nella loro formazione professionale specifica: avranno infatti effettuato un periodo di lavoro protetto, professionalmente funzionale e di qualità che li porterà ad accrescere le loro esperienze professionali, e grazie all’accompagnamento professionale da parte dell’educatore riceveranno un sostegno psico-emotivo che gli consentirà di aumentare la consapevolezza delle loro risorse personali e delle competenze specifiche in ambito professionale. Avranno inoltre l’opportunità di ricevere una formazione specifica al lavoro che gli consentirà di apprendere una professionalità da poter sfruttare per il loro futuro di giovani lavoratori.

Un notevole impatto esterno riguarderà il rapporto che si creerà tra i giovani lavoratori, le organizzazioni promotrici del progetto, i Gruppi di Acquisto Solidale e i possibili canali di vendita che ci impegniamo a sviluppare.

RISULTATI ATTESI

La possibilità di avviare un processo di accompagnamento lavorativo comporterebbe numerosi vantaggi:

  • Sviluppo di competenze personali specifiche relative alle sfere del “SAPER FARE” e del “SAPER ESSERE”, ossia legate allo sviluppo di capacità interne che favoriscano nella persona in difficoltà consapevolezze riguardo a ciò che si è e a ciò che si può fare in modo cosciente e competente. È indispensabile infatti promuovere dei percorsi di formazione che mirino alla facilitazione dei processi di consapevolezza personale circa il senso di autoefficacia e di responsabilità sia nelle realtà personali che in quelle sociali, e più precisamente in quelle lavorative: saranno questi i temi della formazione prevista dal progetto;
  • SOCIALIZZAZIONE E COMUNITÀ: il lavoro è uno strumento finalizzato al pieno inserimento sociale della persona in una trama di relazioni comunitarie soddisfacenti; di per sé il solo lavoro non è sufficiente al raggiungimento di questo risultato che richiede invece un lavoro intenzionale sul contesto comunitario della persona.
  • COMPETENZE SPECIFICHE: l’attività di formazione relativa alle pratiche lavorative richieste dal progetto favorirà lo sviluppo di competenze specifiche nel settore della ristorazione che resteranno come bagaglio personale dei beneficiari e consentiranno loro di accrescere la propria “storia professionale” per attivare processi lavorativi futuri. Ai ragazzi che parteciperanno al progetto verrà rilasciato un attestato di frequenza,
  • PRODOTTI BIOLOGICI: il progetto promuoverà la cultura della buona pratica del cibo attraverso la diffusione di prodotti sani e rispettosi dell’ambiente provenienti dall’attività produttiva de La Nuova Arca Agricoltura, che offre lavoro ad alcune mamme ospiti della Casa Famiglia e a giovani rifugiati politici. Inoltre saranno coinvolti nella vendita dei prodotti finali i GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) che già sostengono le attività agricole de La Nuova Arca attraverso un processo di costruzione di una rete di solidarietà a base comunitaria;
  • Ideazione di PROCESSI DI INSERIMENTO SOCIALE DEI LAVORATORI SVANTAGGIATI attraverso la creazione di spazi lavorativi appositi per la formazione e la sperimentazione personale in un contesto che sia protetto e facilitato dalla presenza e dall’accompagnamento personale da parte di professionisti dell’agire educativo e sociale.

Pronti ad iniziare questa nuova avventura?

Partecipare è semplicissimo: basta compilare la richiesta di l’ordine allegato e versare il 50% dell’importo complessivo della spesa.

Queste le tipologia di conserve che sarà possibile pre-acquistare:

Conserva di pomodoro bio in vasetti da 550 gr.  al prezzo di € 2,50 al pezzo, trasporto incluso;

Conserva di Zucchine bio in vasetti da 550 gr.  al prezzo di € 6,00 al pezzo, trasporto incluso;

Conserva di Melanzane bio in vasetti da 550 gr.  al prezzo di € 6,00 al pezzo, trasporto incluso;

Conserva di Peperoni bio in vasetti da 550 gr. al prezzo di € 6,00 al pezzo, trasporto incluso.

METTEREMO IN LISTINO ANCHE SUGHI PRONTI E CREME …. SU QUESTI PRODOTTI PIU’ AVANTI AVRETE TUTTE LE INFORMAZIONI

Welcome 2015: ecco il calendario della Nuova Arca

foto_articolo cecilia301214

Welcome 2015.

Così la copertina del nostro calendario, comparso oggi nella cucina della Tenda di Abramo, si accinge ad accogliere il nuovo anno. Perché realizzare un calendario de La Nuova Arca?

È  segno del tempo che ci connota quali creature finite ma anche segno della progettualità possibile e di un tempo redento dall’Incarnazione di Nostro Signore. Segno di un kronos che passa e di un kairos che salva.

Pagina dopo pagina, mese dopo mese, il calendario ci offre, quale iconico Te Deum, le immagini di ciò che è stato.

foto2_articolo cecilia 301214

Dalle cene sotto le stelle alle gite con mamme e bambini, dall’orto al miele, da volti, a situazioni, a giorni che solo pochi anni fa erano sogni e che oggi sono storia.

Erano idee e ideali e oggi sono racconti di vita con nomi, date, luoghi.

Immagini che evocano ricordi e, al tempo stesso, si costituiscono quali mattoni di nuovi progetti, di un futuro che non ci appartiene ma che, con forza, ci chiama  a rinnovare l’impegno, riconoscendoci nelle parole di don P. Mazzolari con le quali il nostro calendario si chiude:

Ci impegniamo noi e non gli altri,
unicamente noi e non gli altri,
né chi sta in alto, né chi sta in basso,
né chi crede, né chi non crede.

Ci impegniamo
perché noi crediamo all’amore,
la sola certezza che non teme confronti,
la sola che basta per impegnarci perpetuamente.

Buon anno,

Cecilia Atzeni