Category Archives: economia solidale

Lotteria 2018: scopri i premi

Featured

La tradizionale Lotteria di Natale de La Nuova Arca è tornata, ancora più ricca di premi!

L’acquisto dei biglietti, al costo di 2€ ciascuno, è un gesto semplice per dare un segno tangibile di sostegno alla casa famiglia La Tenda di Abramo e a tutte le mamme e i bambini che vi vengono accolti.

Acquista i biglietti oppure ritira un blocchetto e aiutaci nella vendita distribuendoli ad amici, colleghi e parenti. C’è tempo fino al 18 Gennaio!

 

Prenota i tuoi biglietti

 

Insieme al Municipio XIII contro la violenza sulle donne

 

Nell’ambito delle iniziative proposte in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza contro le Donne, Giovedì 6 dicembre, dalle ore 15 alle ore 17, La Nuova Arca sarà ospite del Municipio XIII Roma Aurelio per un incontro dal titolo “Il percorso dall’accoglienza al ritorno alla fiducia: esperienze in casa-famiglia”.

Insieme con MoVi Lazio e Il Tetto Mamma-Bambino, proveremo a ripercorrere le azioni che vengono poste in essere per accogliere, custodire ed accompagnare la donna vittima di violenza ed i suoi figli verso una vita nuova.

Per La Nuova Arca, sarà presente Barbara Guidi, psicologa e responsabile del progetto #MeNeOccupo cui obiettivo è proprio quello di accompagnare e sostenere le donne nel loro percorso di integrazione.

 

Consulta il Programma

 

Chips di zucchine

Croccanti, deliziose, semplici e veloci da preparare, le chips di zucchine sono l’ideale per un aperitivo in compagnia degli amici e un’ottima alternativa da proporre ai bambini al posto delle patatine fritte.
Ottime anche come contorno per i piatti a base di pesce, le chips di zucchine possono essere fritte o cotte al forno.
Vediamo come procedere per la preparazione della ricetta delle chips di zucchine.

INGREDIENTI:
Zucchine
Sale
Farina
Olio per friggere
PREPARAZIONE:
Lavate e asciugate bene le zucchine, tagliatele a rondelle e posizionatele su un foglio di carta da cucina e tamponate in modo da eliminare i residui di acqua.
Passate le zucchine nella farina e intanto fate scaldare l’olio in padella.
Versate le zucchine a rondelle nell’olio caldo e non appena risultano dorate, scolate le chips, riponetele su un foglio di carta da cucina in modo da eliminare l’olio in eccesso e servitele calde.

In alternativa alla frittura, procedete con la cottura in forno: preriscaldate il forno a 200°, riponete le zucchine tagliate a rondelle su un foglio di carta da cucina e fatele asciugare per una-due ore.
Trascorso questo tempo posizionatele su una teglia ricoperta di carta da forno, salatele e fate cuocere in forno fino a quando non risultano dorate e croccanti.

UN CONSIGLIO
Secondo i vostri gusti, insaporite le chips di zucchine utilizzando alcune spezie come peperoncino, pepe nero, paprika o curry.
Preparate un’emulsione mescolando la spezia scelta con l’olio extravergine d’oliva, spennellatela sulle chips e poi procedete con la cottura in padella o in forno.

Parte il progetto #CRESCEREINSIEME

#CRESCEREINSIEME, l’hashtag che indicizza la crescita dell’accoglienza nel Lazio

Parte il progetto #crescereinsieme, per combattere la povertà educativa nel Lazio attraverso percorsi di prevenzione e di supporto all’autonomia per nuclei mamma-bambino in difficoltà.

Il Lazio è la regione con la più alta percentuale di nuclei familiari costituiti da mamme sole, 250.000 (Istat – Censimento 2011). Tra queste, diverse migliaia vivono in condizioni di povertà assoluta e di forte disagio per violenze subite, patologie psichiatriche e altri problemi. Mamme sole, con i loro figli, senza un lavoro, né una casa. Molte sono straniere, in fuga da situazioni di sfruttamento, prive di riferimenti e di reti parentali. 

Secondo una recente ricerca (Oasi, 2016), nella regione si contano circa 50 strutture preposte all’accoglienza delle mamme con i loro bambini. Annualmente vengono accolte circa 550 donne e 700 bambini. Moltissimi altri nuclei ricevono supporto dai servizi sociali e dalle organizzazioni benefiche in diversi modi, dall’assistenza domiciliare al sostegno scolastico, fino all’aiuto materiale. Ma questo crescente impegno non basta. Uno dei problemi è il ritardo con cui questi nuclei sono individuati e presi in carico dai servizi territoriali, il che impedisce l’attivazione di interventi tempestivi per far fronte al disagio. Ciò ha conseguenze drammatiche sullo sviluppo del bambino, che assorbe anche inconsapevolmente i disagi della madre.

È questo il contesto da cui nasce il progetto #crescereinsieme, che unisce 14 organizzazioni con un’esperienza pluriennale sul campo, per migliorare l’efficacia e l’efficienza degli interventi a sostegno dei nuclei fragili mamma/bambino e contrastare la povertà educativa. Il progetto, finanziato dell’Impresa Sociale “Con i Bambini”, è partito lo scorso mese di maggio e ha una durata di tre anni.

«Le difficoltà economiche, le difficili condizioni abitative, l’assenza di un lavoro e altri fattori personali e relazionali – spiega il responsabile del progetto Martino Rebonato, della cooperativa sociale Kairos, organizzazione capofila – possono ostacolare l’accesso ai servizi educativi per le mamme e per il loro piccoli. Il nostro progetto affronta i problemi della povertà educativa in un’ottica integrata e multidimensionale, favorendo il lavoro in rete tra i servizi sociali, le agenzie educative e le organizzazioni del terzo settore».

Il progetto intende soprattutto favorire l’autonomia delle mamme, offrendo loro nuove opportunità attraverso una serie di azioni tra loro strettamente collegate: un’agenzia per la ricerca della casa e del lavoro; interventi di sostegno alla genitorialità (visite domiciliari, supporto psicologico, promozione dell’allattamento materno, gruppi di mutuo-aiuto); attivazione di reti di famiglie solidali, che accompagnino le mamme nella loro quotidianità; consolidamento della Rete delle strutture e dei servizi per i nuclei vulnerabili mamma-bambino.

«Il modello di intervento che proponiamo mira alla costituzione di una comunità educante, in cui ciascuno faccia bene la sua parte. Dobbiamo essere consapevoli che il problema della monogenitorialità e della vulnerabilità sociale sono spesso interconnessi – sottolinea Salvatore Carbone, Portavoce della Rete delle strutture e dei servizi per nuclei vulnerabili mamme-bambino – e che il fenomeno delle mamme sole in condizioni di forte disagio sociale ha assunto una dimensione che non può più essere sottovalutata».

Comunitario è quindi l’approccio proposto dai promotori del progetto, 14 organizzazioni che hanno unito le forze e messo a disposizione le competenze ed esperienze maturate in anni di impegno: la cooperativa sociale Kairos, l’associazione OASI, Il Melograno Centro Informazione Maternità e Nascita, MYTANDEM Snc di Chiù Sara e Melandri Sabina, il Centro Italiano di Solidarietà don Mario Picchi, la cooperativa sociale Zoe, l’associazione Tutela Minori e Sostegno Adulti Fragili, il Consorzio Universitario Humanitas, l’Istituto Comprensivo Statale Via dei Sesami, l’associazione Ecococcole, l’Università LUMSA, l’associazione Romana Pro Juventute Tetto, l’associazione Rimettere le Ali, la cooperativa sociale La Nuova Arca.

Un partenariato forte e variegato, che sta già operando per costruire un sistema integrato di servizi innovativi e coordinati con i presidi socio educativi del territorio.

 

Per informazioni:

percorsiconibambini.it/crescereinsieme/facebook.com/Crescereinsieme.Progetto/

Ufficio stampa: SuLLeali Comunicazione Responsabile

Caterina Falomo – 346 8513723 – caterina.falomo@sulleali.it

SPRECO? NO GRAZIE! Io sono solidale.

Quando i punti di vista e le idee dei GAS si incontrano con la disponibilità dei singoli acquirenti e con le necessità e le proposte dell’impresa agricola sociale, allora l’agricoltura sociale si fa solidale e dà vita a progetti rivoluzionari.

Il periodo estivo è per le colture orticole che maturano al sole il momento della maggiore produttività e dunque della maggiore capacità di produrre cibo. Purtroppo non tutti acquistano regolarmente e direttamente i prodotti dalla terra nei tempi e nelle quantità in cui vengono prodotti, e ciò porta allo spreco di queste preziose risorse naturali ed ai relativi impatti etici, economici, lavorativi e di giustizia.

Nasce cosi l’iniziativa: “SPRECO? NO, GRAZIE. Io sono solidale”.

Da oggi, puoi contribuire ad aumentare l’impatto sociale dei tuoi acquisti solidali! Grazie ai GAS de “La Nuova Arca”, oltre a sostenere i lavoratori della terra potrai decidere di dare l’opportunità anche a famiglie in situazioni di disagio di avere accesso a prodotti biologici e freschi.

Ecco come funziona:

  1. Sottoscrivi un abbonamento settimanale di 5, 10 o 15 € per un minimo di 12 settimane.
  2. Come sempre, ogni settimana potrai ordinare i prodotti di tuo gradimento e dall’importo dell’ordine verranno sottratti i soldi che hai anticipato con l’abbonamento.
  3. Nelle settimane in cui deciderai di non procedere con l’emissione dell’ordine, una cesta di prodotti biologici freschi, pari all’importo dell’abbonamento, verrà consegnata gratuitamente a delle famiglie bisognose del nostro territorio.

Compila il form qui sotto per sottoscrivere un abbonamento! VERRAI IMMEDIATAMENTE RICONTATTATO.

Nel periodo in cui sarai fuori provvederemo a distribuire la tua preziosa donazione e quando tornerai potrai continuare a gustare come sempre i prodotti freschi della terra, con in più la soddisfazione di avere fatto la differenza anche durante le vacanze.

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo cellulare (richiesto)

Abbonamento settimanale da 5 euroAbbonamento settimanale da 10 euroAbbonamento settimanale da 15 euro

Un pomeriggio sul dono

Sabato 23 Giugno ti aspettiamo nella nostra pineta per un pomeriggio in cui sperimentarci e riflettere insieme sul dono e sulla reciprocità.

Ore 16.00 – Sharing Day! Momento di gioco, dono e scambio per grandi e piccini. Porta uno o più oggetti che ti appartengono e che vuoi donare agli altri: sarà l’occasione per scambiarceli e raccontarci la loro storia e il loro valore.

Ore 17.00 – Merenda per tutti offerta da La Nuova Arca

Ore 18.00 – Presentazione del Progetto Fianco a Fianco sulla solidarietà familiare, con testimonianza dei fondatori de La Nuova Arca, Salvatore e Sara, e di una coppia solidale. Il progetto promuove lo sviluppo di una comunità solidale attenta alle difficoltà delle famiglie che, in assenza di una rete di riferimento, hanno bisogno di essere affiancate e sostenute nella gestione della quotidianità dei figli, nell’integrazione sociale e nell’orientamento ai servizi.

Se siete interessati al progetto o semplicemente a partecipare ad un pomeriggio con noi, nel nostro parco, siete i benvenuti!

L’appuntamento è presso la sede de La Nuova Arca, in Via dei Casali di Porta Medaglia 41. Una volta al numero 41, imbocca la strada di campagna che ti si presenterà davanti e percorrila tenendo sempre il lato destro, fin quando non arriverai al cancello di un grande casolare: ci troverai lì ad aspettarti.

Per maggiori informazioni, chiamaci al numero 067136001 o scrivici a info@lanuovaarca.org. E non dimenticare di invitare i tuoi amici!

 

Facci sapere se ci sarai!

PRE-ORDINE FRUTTA SICILIANA

In arrivo buonissima frutta dalla Sicilia!! Potete compilare direttamente il modulo per prenotare ARANCE, MANDARINI, LIMONI, AVOCADO e MANDORLE: le prenotazioni sono aperte fino alle ore 10.00 di Martedì 20/02/2018, mentre la consegna dei prodotti avverrà nella settimana dal 26/02/2018 al 02/03/2018.

 

PRENOTA SUBITO

 

Qualche info su prodotti e produttori:
AVOCADO: “I Lapilli dell’Etna” del sig. Raciti Enzo. E’ un’azienda nata nel 2013 sul territorio di Milo (CT), alle pendici dell’Etna, che punta sui metodi di produzione derivanti dalla biodinamica, lavorando nel massimo rispetto della natura e dei suoi cicli, per conferire un notevole valore aggiunto all’alta qualità dei prodotti sia freschi che trasformati.
ARANCE “Sanguinelle”: di Vincenzo Li Destri, agronomo e agricoltore che coltiva più varietà di agrumi sui 20 ettari di terreno che possiede in provincia di Siracusa. Il suolo dove sono  coltivate è particolarmente fertile ed è grazie alla sua natura che le arance assumono il tipico colore “rosso vinoso”. Queste varietà di arance pigmentate ad alto tenore di fattori nutrizionali hanno ricevuto la protezione geografica (IGP) da parte dell’Unione Europea.
LIMONI “Femminello Siracusano”: dell’ Azienda Leone Sebastiano; Azienda individuale Biologica dal 1994 di Contrada Volpiglia. – Noto (SR)
Le parole del fornitore: ”La nostra azienda nasce con mio nonno che da mezzadro e grazie a grandi sacrifici riesce ad acquisire i terreni in cui era mezzadro, il figlio maggiore negli anni 60 intuisce che con i mezzi agricoli e con il conto terzi si possa fare un salto di qualità, così com’è avvenuto. In quegli anni si sono acquistati i terreni e realizzati nuovi impianti di mandorlo e limone, che ci accompagnano sino ai nostri giorni. Sempre con l’ideale di migliorarsi, e lavorando sempre con costanza e cercando sempre di svilupparsi, sempre nel rispetto degli altri e delle regole”.
MANDARINI Tardivi: Cappello Paolo da Noto che ha un’azienda familiare certificata biologica
MANDORLE sgusciate “Tuono”: Mammana Corrado, di Noto. Ha iniziato la produzione nel 1992, l’azienda è di circa 4 ettari, estesa nella rinomata Val di Noto. “Nella nostra generazione siamo stati sempre amanti dei prodotti naturali e della natura. Produco prodotti genuini senza l’aggiunta di sostanze che possono nuocere alla salute, infatti i nostri clienti con noi hanno riscoperto i sapori antichi, che al giorno d’oggi purtroppo stanno andando a scomparire del tutto”.

Cesti di Natale Bio-Solidali

Quest’anno la squadra che cura la preparazione dei cesti natalizi si è superata ed è felice di proporvi tante idee originali per regali buoni e solidali!

Buoni perché frutto del nostro orto biologico, coltivato con cura ed amore dalla super squadra dell’agricoltura e del contributo personale del nostro Pietro che produrrà direttamente ricotta vaccina e caciocavallo fresco in edizione limitata;

Solidali perché vanno a sostegno di una delle mamme ospiti della casa famiglia, che si occuperà personalmente del confezionamento dei vostri cesti: il lavoro è innanzitutto dignità e cogliere lo sguardo felice di questa nostra mamma per noi è gioia profonda. Si tratta di un compito piccolo, con un valore grande.

PRENOTA SUBITO IL TUO CESTO BIO-SOLIDALE

In alternativa, puoi effettuare l’ordine scrivendo a gas@lanuovaarca.org o telefonandoci al numero 3929472223. La consegna dei cesti è prevista solo su Roma.

Non perdere l’occasione di fare un regalo…buono davvero!