fbpx

Opportunità di Servizio Civile a La Nuova Arca

Featured

Hai tra i 18 e i 28 anni? Senti il desiderio di metterti in gioco, dedicando un anno al servizio degli altri e alla scoperta di te stesso? Cogli al balzo l’opportunità e candidati per il Bando di Servizio Civile 2019, hai tempo fino a Giovedì 10 Ottobre!

Servizio Civile Nazionale con La Nuova Arca

La Nuova Arca, tramite il coordinamento nazionale del servizio civile CESC Project, ha presentato e visto approvare il progetto Solidarietà Femminile, afferente alla realtà della Casa Famiglia La Tenda di Abramo.

  • Progetto “Solidarietà Femminile” (area:assistenza donne con minori a carico). 
    I volontari opereranno presso la casa famiglia La Tenda di Abramo, destinata all’accoglienza di donne sole con bambini, con sede in Via dei Casali di Porta Medaglia 41. Saranno coinvolti nella vita comunitaria della casa famiglia; nell’ideazione e realizzazione di attività ludiche, educative e di socializzazione rivolte tanto alle mamme quanto ai bambini; nelle attività di coordinamento con le altre realtà a Mam&Co, la Rete Mamma-Bambino del LazioPosti disponibili: 4. Scopri il progetto!

Per saperne di più sul progetto ed incontrarci di persona, ti aspettiamo Mercoledì 18 Settembre alle ore 17.00 presso il Casale Il Cammino in Via di Castel di Leva 416. Non mancare!

Cos’è il servizio civile

Il Servizio Civile, istituito con legge 6 marzo 2001 n° 64, è l’opportunità pensata per tutti i giovani dai 18 ai 28 anni di “difendere la patria con mezzi non armati e non violenti” e “favorire la realizzazione dei princìpi costituzionali di solidarietà sociale”, dedicando un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico, inteso come impegno per il bene di tutti partendo dall’inclusione dei più vulnerabili. Prevede un rimborso netto di € 439,50 mensili e un percorso formativo, utile anche per discernere il proprio futuro professionale.

Che cosa offre

  • Rimborso mensile di 439,50 €
  • Formazione sulle aree di progetto
  • Attestato di partecipazione al servizio civile
  • Durata 12 mesi (1145 ore / 25h a settimana per 5 o 6 giorni di servizio)

Puoi partecipare se… 

  • Hai compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della tua domanda;
  • sei cittadina o cittadino dell’Unione europea o cittadino non comunitario regolarmente soggiornante;
  • non hai riportato condanne anche non definitive;
  • non hai già prestato servizio civile in qualità di volontaria o volontario ai sensi della legge n. 64 del 2001, o non hai interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
  • non hai in corso con noi rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero non hai avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non possono presentare domanda i giovani che:

  • appartengono ai corpi militari e alle forze di polizia;
  • abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Come candidarsi

Da quest’anno, potrai presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.

Potrai accedere alla piattaforma attraverso SPID, il “Sistema Pubblico d’Identità Digitale” con un livello di sicurezza 2. Sul sito dell’AGID – Agenzia per l’Italia digitale (www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid) sono disponibili tutte le informazioni necessarie, anche con faq e tutorial, per richiedere lo SPID indispensabile per poter presentare la candidatura.

La procedura richiede alcuni giorni per essere portata a termine, non aspettare l’ultimo momento!

Contatti

Se vuoi saperne di più, compila il modulo di seguito e ti ricontatteremo di persona.

In alternativa, ci puoi contattare scrivendo ad info@lanuovaarca.org o telefonando al numero 0645668556. Ti aspettiamo!

 

Domenica di Festa

Featured

Cosa

Quale modo migliore di rendere più dolce il rientro dopo l’estate, che quello di ritrovarsi insieme per una grande giornata di festa? Giochi, laboratori e musica per grandi e piccini fin dalla mattina e poi il cibo di un vero pranzo in famiglia, preparato con cura ed amorevolezza.  Non mancare e invita amici e familiari! La prenotazione è obbligatoria e i posti limitati, affrettati!

 

Prenota il tuo tavolo!

Quando

L’appuntamento è per Domenica 15 Settembre:

  • ore 11.00
    • Laboratorio di creazione delle bombe di semi
    • Laboratorio creativo
    • Scherzi e giochi con i Clown
    • Angolo del Trucca bimbi
    • Bottega dei Palloncini
  • ore 12.30: Pranzo
  • e nel pomeriggio, gioco libero e musica dal vivo!

Dove

Presso la sede de La Nuova Arca, Il Cammino in Via di Castel di Leva 416 (Roma).

Quote di partecipazione

  • Adulti, 20 €
  • Ragazzi 9-12 anni, 10 €
  • Bambini 6-8 anni, 5 €

Una parte delle quote di partecipazione raccolte in occasione dell’evento andrà a sostegno dell’Associazione Gocce d’Amore Onlus e in particolare del progetto di promozione della salute per i bambini degli asili di Zanzibar intitolato ad Elena D’Amanzo, figlia di Donatella Ghinassi e Paolo D’Amanzo, nel ricordo del suo impegno per i bambini in condizione di difficoltà e per le loro mamme.

 

Il Centro Estivo per noi

Il centro estivo de La Nuova Arca fin dalla sua progettazione ha voluto essere un luogo di inclusione, rispetto e divertimento per tutti i bambini: i bambini della nostra Casa Famiglia, i bambini del quartiere, i bambini con fragilità… di diverse nazionalità, tutti portatori di saperi da condividere. In questo momento storico di chiusura e intolleranza verso il “diverso” volevamo fortemente testimoniare il pensiero che ci caratterizza di rispetto dell’Altro e di Apertura.

Le nostre giornate si svolgono in un contesto accogliente e stimolante, gli spazi verdi ampi e ben curati restituiscono un senso di Bellezza e armonia fondamentali per creare un clima sereno e creativo. I bambini partecipano attivamente al mantenimento di questo equilibrio prendendosi cura delle piante, dando loro acqua e togliendo le erbacce. Tutti i bambini possono beneficiare di questi momenti, ognuno con i suoi tempi e le sue modalità ma tutti concorrono ad un obiettivo comune: il rispetto dell’ambiente dove viviamo. Questi piccoli gesti quotidiani, apparentemente banali, veicolano significati profondi e restituiscono dignità a chi li compie. Il cambiamento avviene a piccoli passi e noi lentamente stiamo cercando di attuarlo.

La mattina dopo il gioco libero, vi è il cerchio della colazione prevalentemente con frutta biologica, tutti i bambini chi in autonomia, chi con il proprio educatore di supporto, partecipano all’organizzazione e alla condivisione delle attività della giornata. I bimbi più fragili sono portatori di energia e gioia di vivere nonostante le difficoltà evidenti nel compiere azioni quotidiane, le persone che li aiutano fanno parte ormai del gruppo e non sono vissute come supporto specifico del bimbo più fragile. La potenza dei bambini ci permette spesso di fare un passo indietro come educatori di sostegno, basta un sorriso, un abbraccio spontaneo, un prendersi per mano tra bimbi che le differenze si allentano.

I laboratori creativi, svolti in un clima di libertà e assenza di giudizio permettono la libera espressione di parti di sé più private e preziose, la condivisione di questi momenti arricchisce e consolida il gruppo. Le difficoltà e la fatica a volte creano sconforto ma il desiderio di creare uno spazio diverso dove le differenze sono preziose ci dona forza e motivazione.

Tutto questo percorso è reso possibile da diverse persone.

Gli operatori che con passione si dedicano a questa avventura.

I ragazzi del campo provenienti dal Centrafrica, che con la loro pazienza veicolano un’immagine maschile positiva accudente e contenitiva e sono un prezioso punto di riferimento soprattutto nei momenti di difficoltà. Si prendono sotto l’ala protettiva i bimbi a volte più agitati, offrendo loro un ruolo importante.

I nostri sostenitori, che con i loro aiuto finanziario hanno permesso a bambini con difficoltà economiche di beneficiare di questa opportunità ma soprattutto ai bambi con bisogni speciali di frequentare il centro estivo che senza un supporto adeguato, sarebbe stata impossibile una corretta integrazione.

Tutta l’equipe de La Nuova Arca che in via diretta ed indiretta concorre a creare un clima sereno, accogliente e stimolante per tutti i partecipanti a questo Cammino.

GRAZIE per aver partecipato con noi: insieme si possono raggiungere sempre nuovi traguardi!

 

Frittelle con le foglie di sedano

Cosa fare con le foglie di sedano? Questa verdura in frigo non manca mai, la usiamo per preparare minestre, per insaporire diverse pietanze e anche per ricette fai da te come il dado vegetale fatto in casa. Guai però a sprecarne le foglie, che sono una materia prima sana e leggera per preparare delle gustosissime ricette: questa settimana vi proponiamo di trasformarle in gustose frittelle!

Ingredienti (per 4 persone)

  • 100 gr di foglie di Sedano
  • 5 cucchiai di Farina
  • Acqua
  • 1 cucchiaino di sale
  • 3 cucchiai di parmigiano
  • 2 cucchiai di pecorino
  • 1 uovo
  • Olio di semi per la frittura

Procedimento

  1. Mondare le foglie di sedano e sminuzzarle con le forbici o con un coltello in modo grossolano.
  2. Preparare a parte la pastella con la farina, l’acqua, i formaggi (se preferite sapori più delicati usate soltanto il parmigiano, 5 cucchiai in tutto), l’uovo e il sale.
  3. Unire, in ultimo, le foglie di sedano. Per una perfetta riuscita le foglie di sedano dovranno prevalere in quantità rispetto alla pastella, che deve servire più che altro da “collante”.
  4. Friggere le frittelle (createle prendendo il composto a cucchiaiate) in olio di semi bollente.
  5. Servire le frittelle calde.

Trofiette con vongole, fiori di zucca e zafferano

 

 

Una ricetta gustosa e saporita, che unisce terra e mare ed è perfetta per dare un tocco di originalità ad un pranzo tra amici.

Ingredienti (per 4 persone)

  • 400 gr di Trofie
  • 8 Fiori di Zucca
  • 1 kg di Vongole
  • Zafferano
  • Peperoncino
  • Sale
  • Aglio
  • Olio EVO
  • Pepe nero in grani

Procedimento

  1. Far spurgare le vongole in un recipiente con acqua e sale per alcune ore, poi saltarle in padella a fuoco vivo in modo che si aprano. Una volta aperte, sgusciarle e unirle in una bacinella al liquido di cottura privato dell’eventuale sabbia.
  2. Mettere in padella olio, uno spicchio d’aglio e una punta di peperoncino fresco. Non appena l’aglio imbiondisce, toglierlo e aggiungere, a filo, il liquido di cottura delle vongole e i fiori di zucca tagliati a strisce. Lasciare restringere per qualche minuto.
  3. Cuocere nel mentre le trofie in abbondante acqua bollente e salata.
  4. Raggiunta la giusta densità del sugo, unire nella padella un pizzico di zafferano, una macinata di pepe, alzare la fiamma e trasferire la pasta cotta al dente e le vongole. Mescolare velocemente.
  5. Servire caldo.

E’ tempo di Cena Sotto le Stelle!

Cosa

L’estate finalmente è arrivata e noi de La Nuova Arca non vediamo l’ora di festeggiarla insieme! I preparativi sono iniziati, cuochi e cuoche sono al lavoro e perché la Cena Sotto le Stelle sia ancora più bella degli scorsi anni manca solo la tua adesione! La prenotazione è obbligatoria e i posti limitati, affrettati!

 

Prenota il tuo tavolo!

Quando

Quest’anno ti aspettiamo Venerdì 5 Luglio per condividere insieme una serata di buon cibo e musica!

Dove

L’appuntamento è presso la nostra sede in Via dei Casali di Porta Medaglia 41, a partire dalle 19.30.

Quote di partecipazione

Quote di partecipazione:

  • Adulti, 20 €
  • Bambini 4-12 anni, 10 €
  • Bambini 0-3 anni, gratuito

 

Spaghetti al pesto di fave

 

Una ricetta primaverile, per proporre le fave in una veste nuova! Potete scegliere di usare come condimento il solo pesto o di arricchire il vostro piatto con l’aggiunta di pistacchi, burrata e scorza di limone, come vi suggeriamo di seguito.

Ingredienti (per 4 persone)

  • Spaghetti 400 gr
  • Pistacchi sgusciati 60 gr
  • Burrata 50 gr
  • Scorza di limone

Per il pesto

  • Fave da sgranare 1 kg
  • Pecorino romano grattuggiato 70 gr
  • Basilico 20 gr
  • Olio EVO
  • Timo
  • Sale fino
  • Pepe nero

Procedimento

  1. Per preparare il pesto, inserite nel mixer le fave sgusciate (anche della loro pellicina esterna), le foglie di timo e di basilico, il pecorino grattuggiato, l’olio, il sale e il pepe. Frullate il tutto aggiungendo un pochino d’acqua per evitare che il pesto venga troppo denso.
  2. Versate i pistacchi in una padella calda e lasciateli tostare per circa 5 minuti. Toglieteli poi dalla padella, lasciateli raffreddare e quindi tritateli in pezzetti con un coltello.
  3. Nel mentre, cuocete gli spaghetti in acqua bollente e salata. Una volta cotta, scolatela, tenendo da parte un bicchiere di acqua di cottura. Aggiungete quindi il pesto, allungandolo con l’acqua di cottura se necessario.
  4. Servite gli spaghetti nei piatti e, per rendere il tutto ancora più sfizioso, guarnite con granella di pistacchi, scorza di limone, un pizzico di pepe e ciuffetti di burrata.

Spaghetti con Fave, Pomodoro e Pecorino

 

Il classico abbinamento fave e pecorino, rivisitato in versione primo piatto e con l’aggiunta gustosa del pomodoro. Per far provare sapori nuovi anche ai più piccini!

Ingredienti (per 4 persone)

  • Spaghetti 320 gr
  • Cipolle 500 gr
  • Fave sgusciate 300 gr
  • Pomodori pelati 200 gr
  • Pecorino 50 gr
  • Olio EVO
  • Sale fino
  • Pepe nero

Procedimento

  1. Come prima cosa, mettete sul fuoco l’acqua della pasta e salatela quando bolle.
  2. Grattuggiate il pecorino e conservatelo per il condimento della pasta.
  3. In un tegame, sciogliete la cipolla con un pochino d’acqua e poi aggiungete l’olio, le fave e i pomodori e lasciate cuocere a fuoco basso.
  4. Quando i pomodori sono cotti, aggiungete pepe e sale e controllate la cottura delle fave. Se necessario, aggiungete un po’ d’acqua e lasciate cuocere ancora per alcuni minuti.
  5. Nel mentre, cuocete gli spaghetti e, una volta pronti, scolateli e conditeli con il sugo di fave e con abbondante pecorino.